#alecyclingofficial

Tour of Mountain
12/12
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
11/
Lago Trasimeno
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
11/
Lago Trasimeno
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
10/
Castel Rigone
40 km
+1100 mt .
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
10/
Castel Rigone
40 km
+1100 mt .
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
9/
Colle Campana
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
9/
Colle Campana
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
8/
LETTO DI SAN FRANCESCO
Secondo la tradizione popolare del luogo, sopra quel sasso, avrebbe dormito San Francesco, in uno dei suoi frequenti spostamenti fra Assisi e La Verna o Le Celle di Cortona.
Si tratta di un’enorme pietra naturale piana, affiorante dal terreno in località Feriano, nel comune di Passignano sul Trasimeno, lungo il lato destro della strada provinciale che sale da Mantignana (Corciano) a Castel Rigone (Passignano sul Trasimeno), quasi in prossimità dell’incrocio con la strada per Preggio (Umbertide) e Città di Castello.
A convalida della tradizione e del culto legati al Letto di San Francesco, esistono due testimonianze.
La prima consiste in una vecchia carta del 1729, relativa al territorio della Comunità di Coceto, con evidente simbolo religioso, una croce, tracciata in corrispondenza della sua ubicazione, rinvenuta e pubblicata dallo studioso locale Danilo Cardinali.
La seconda è invece una testimonianza orale di Giovan Battista Baffetti di Magione, nato nella zona, che attesta l’abitudine, praticata fino agli anni ‘20 del Novecento, di soffermarsi a pregare inginocchiati sul Letto di San Francesco, e di lasciarvi qualche moneta per i poveri.
La presenza di San Francesco in queste terre è altresì documentata in quanto nel 1212 arrivò a Preggio e vi stabilì un conventino dove i frati Francescani Conventuali risiedettero fino al XVIII secolo quando questo fu compreso nel numero dei piccoli conventi soppressi dal Pontefice Innocenzo X con la Bolla “Instauranda” del 15 ottobre 1652 ed esecutorio del Vescovo di Perugia Orazio Monaldi del 10 giugno 1653.
La chiesa annessa al convento dedicata al Serafico Padre fu aggiunta al convento nel 1223 ed è oggi diventata chiesa parrocchiale.
E’ facile quindi supporre che arrivando da Assisi e Perugia San Francesco abbia fatto questo percorso per arrivare a Preggio, attraversando il territorio di Mantignana che risalendo le colline è il percorso più breve; la strada poi prosegue per Lisciano, Mercatale e Cortona e forse non andava proprio a La Verna ma più verosimilmente all’Eremo Le Celle di Cortona.
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
8/
LETTO DI SAN FRANCESCO
Secondo la tradizione popolare del luogo, sopra quel sasso, avrebbe dormito San Francesco, in uno dei suoi frequenti spostamenti fra Assisi e La Verna o Le Celle di Cortona.
Si tratta di un’enorme pietra naturale piana, affiorante dal terreno in località Feriano, nel comune di Passignano sul Trasimeno, lungo il lato destro della strada provinciale che sale da Mantignana (Corciano) a Castel Rigone (Passignano sul Trasimeno), quasi in prossimità dell’incrocio con la strada per Preggio (Umbertide) e Città di Castello.
A convalida della tradizione e del culto legati al Letto di San Francesco, esistono due testimonianze.
La prima consiste in una vecchia carta del 1729, relativa al territorio della Comunità di Coceto, con evidente simbolo religioso, una croce, tracciata in corrispondenza della sua ubicazione, rinvenuta e pubblicata dallo studioso locale Danilo Cardinali.
La seconda è invece una testimonianza orale di Giovan Battista Baffetti di Magione, nato nella zona, che attesta l’abitudine, praticata fino agli anni ‘20 del Novecento, di soffermarsi a pregare inginocchiati sul Letto di San Francesco, e di lasciarvi qualche moneta per i poveri.
La presenza di San Francesco in queste terre è altresì documentata in quanto nel 1212 arrivò a Preggio e vi stabilì un conventino dove i frati Francescani Conventuali risiedettero fino al XVIII secolo quando questo fu compreso nel numero dei piccoli conventi soppressi dal Pontefice Innocenzo X con la Bolla “Instauranda” del 15 ottobre 1652 ed esecutorio del Vescovo di Perugia Orazio Monaldi del 10 giugno 1653.
La chiesa annessa al convento dedicata al Serafico Padre fu aggiunta al convento nel 1223 ed è oggi diventata chiesa parrocchiale.
E’ facile quindi supporre che arrivando da Assisi e Perugia San Francesco abbia fatto questo percorso per arrivare a Preggio, attraversando il territorio di Mantignana che risalendo le colline è il percorso più breve; la strada poi prosegue per Lisciano, Mercatale e Cortona e forse non andava proprio a La Verna ma più verosimilmente all’Eremo Le Celle di Cortona.
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
7/
Mantignana direzione Colle Campana
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
7/
Mantignana direzione Colle Campana
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
6/
Colle della Trinità
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
6/
Colle della Trinità
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
5/
18%
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
4/
Ellera
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
3/
Castello di Pieve del Vescovo
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
.
.
Il castello di Pieve del Vescovo è un antico edificio della fine del XIV secolo sito su un colle dominante la valle del Caina, a circa un chilometro da Corciano, in provincia di Perugia. Citato per la prima volta in una bolla di Innocenzo III, del 1206, era una chiesa dedicata a san Giovanni Battista. Nel 1396 la pieve fu trasformata in castello con torri merlate e cinta muraria. Il 23 giugno 1397 vi si officiò il sontuoso matrimonio tra Biordo Michelotti, che l'aveva occupato, e Giovanna Orsini. Nel 1453 il vescovo di Perugia Giacomo Vannucci fece iniziare la costruzione di un borgo agricolo intorno al maniero. La Pieve del Vescovo (il nome le deriva dal cardinale Fulvio della Corgna, vescovo di Perugia), ha una forma quadrilatera con quattro massicce torri cantonali che le conferiscono una poderosa fisionomia. Alcune sale dell'interno furono affrescate dal manierista Taddeo Zuccari: interessanti la cappella di san Giovanni Battista, lo stemma del cardinale, le scuderie e le prigioni. Il 25 aprile 1567 si verificò nel castello un fatto delittuoso: vi morì repentinamente la sedicenne Elena Baglioni (figlia di Ranuccio), contessina di Parrano. Furono accusati di averla avvelenata la madre Ortensia Farnese e il figlio di primo letto Antonio Marescotti, erede presuntivo del patrimonio se fosse deceduta la giovane. Ma nel processo celebrato a Roma a loro carico non furono reperite sufficienti prove per avvalorare l'imputazione. Il castello, poi, passò in definitiva proprietà dei vescovi di Perugia che amavano trascorrervi l'estate. Tra questi si ricorda il futuro papa Leone XIII che vi soggiornò volentieri e a lungo (19 gennaio 1846-20 febbraio 1878). L'iniziativa di Guoacchino Pecci riuscì ad evitare che questo bene fosse incamerato nel demanio statale, a seguito delle leggi varate dopo l'Unità d'Italia. Parte dell'apparato murario e pittorico della struttura andò distrutta, durante la Seconda Guerra Mondiale. Seguì un lungi periodo di abbandono e degrado, teatro di riti settari ed esoterici.
Wikipedia.
Tour of Mountain
3/
Castello di Pieve del Vescovo
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
.
.
Il castello di Pieve del Vescovo è un antico edificio della fine del XIV secolo sito su un colle dominante la valle del Caina, a circa un chilometro da Corciano, in provincia di Perugia. Citato per la prima volta in una bolla di Innocenzo III, del 1206, era una chiesa dedicata a san Giovanni Battista. Nel 1396 la pieve fu trasformata in castello con torri merlate e cinta muraria. Il 23 giugno 1397 vi si officiò il sontuoso matrimonio tra Biordo Michelotti, che l'aveva occupato, e Giovanna Orsini. Nel 1453 il vescovo di Perugia Giacomo Vannucci fece iniziare la costruzione di un borgo agricolo intorno al maniero. La Pieve del Vescovo (il nome le deriva dal cardinale Fulvio della Corgna, vescovo di Perugia), ha una forma quadrilatera con quattro massicce torri cantonali che le conferiscono una poderosa fisionomia. Alcune sale dell'interno furono affrescate dal manierista Taddeo Zuccari: interessanti la cappella di san Giovanni Battista, lo stemma del cardinale, le scuderie e le prigioni. Il 25 aprile 1567 si verificò nel castello un fatto delittuoso: vi morì repentinamente la sedicenne Elena Baglioni (figlia di Ranuccio), contessina di Parrano. Furono accusati di averla avvelenata la madre Ortensia Farnese e il figlio di primo letto Antonio Marescotti, erede presuntivo del patrimonio se fosse deceduta la giovane. Ma nel processo celebrato a Roma a loro carico non furono reperite sufficienti prove per avvalorare l'imputazione. Il castello, poi, passò in definitiva proprietà dei vescovi di Perugia che amavano trascorrervi l'estate. Tra questi si ricorda il futuro papa Leone XIII che vi soggiornò volentieri e a lungo (19 gennaio 1846-20 febbraio 1878). L'iniziativa di Guoacchino Pecci riuscì ad evitare che questo bene fosse incamerato nel demanio statale, a seguito delle leggi varate dopo l'Unità d'Italia. Parte dell'apparato murario e pittorico della struttura andò distrutta, durante la Seconda Guerra Mondiale. Seguì un lungi periodo di abbandono e degrado, teatro di riti settari ed esoterici.
Wikipedia.
Tour of Mountain
2/
Corciano da Pieve del Vescovo.... 21.8%
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
2/
Corciano da Pieve del Vescovo.... 21.8%
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Tour of Mountain
1/
.
.
#bike #cycling #ontheroad #brytonrider450 #alecyclingofficial #sworks
Vineeeecko pijeeeeem...teda burcak...#albaoptic #alecyclingofficial #alé #albaoptics
Vineeeecko pijeeeeem...teda burcak...#albaoptic #alecyclingofficial #alé #albaoptics
Ride coffee ☕ stop.
.
Socks doping
.
.
#coffeebreak #fromwhereIride #bikestyle #PPRWolrd #cycle #cycling #cyclinglife #traininghard #morningride #morningroutine #coffeebreak #socksdoping #carisover #details  #dmtcycling #colors #saturdayride #mood #nofiltersneeded #picoftheday #pictureoftheday #landscape #view #triathlontraining  #road #alecyclingofficial
No GoPro this morning hadn’t charged it 🙄😂 iPhone will have to do! 
Was a bit fresh this morning! But glorious sunshine 🌞 autumn is on its way! 🍁 .
.
.
#cycling #cyclinglove #cyclinglife #roadie #roadbike #roadcyclist #roadcycling #womenonbikes #womencycling #oakleyjawbreaker #lifebehindbars #suffolk #alécycling #alebikewear #alecyclingofficial #rideyourbike #girohelmets #cyclinggirl #cyclingkits #instacycling #cyclingpic #cyclist #fitness #cardio #cardioworkout
I need to setup the gorupset. 😅 Maybe
..
Sorry mum if i ride no hands. 🙏👐
.
Evening ride routine.
.
.
#triathlon #triathlontraining #duathlon #PPRRunning #PPRTeam #fromwhereIrun #run #running #traininghard #nightride #routine #runrunrun #runforrestrun #runner #details #cycling #mcipollini #colors #triathletes #mood #nofiltersneeded #picoftheday #pictureoftheday #landscape #view #triathlontraining  #road #alecyclingofficial #dmtcycling
Che fastidio questi paparazzi🙈 #radunodeivulcani #iamspecialized #100percent_bike #troyleedesigns #specializedepic #sram #rockshox #wheeliewednesday #freebikemarscianoasd #fuckthenormallife #mtblife #adventure #alecyclingofficial #mandalatattoo #rideforsmile 😜

FeedMe is investigator of posts from social media.